Oggi all’asta la seduta più estensibile del design

Dal Belgio al MoMA di New York, passando da Milano per approdare questa mattina a Pargi, dove tra poche ore sarà battuta all’asta la Meeting Chairs di Laurence Humier.

Disegnata da Laurence Humier nel 2007 la Meeting Chairs è entrata nella collezione permanente del MoMA nel 2010, dopo che la commissione giudicante l’aveva definita “Un capolavoro. Proprio così, la mia Meeting Chairs ha ricevuto i complimenti dai commissari che l’hanno valutata attentamente dal punto di vista tecnico, qualitativo ed estetico” racconta Laurence “perciò ora è lì, a New York accanto alle opere dei più importanti designer internazionali”. Però questa mattina è anche a Parigi. “E’ vero, questa mattina sarà battuta all’asta da Delorme-Collin du Bocage “Tableaux modernes & contemporains, Photographie, Art Déco, Design ” all’Hôtel Drouot. Humier

Sarà insieme a pezzi storici disegnati da Le Corbusier, Aalto, Zanuso, Sapper….” Una bella soddisfazione per una designer che, partita non molti anni fa dal Belgio (dove è nata nel 1976), con una laurea in ingegneria presso l’Université Catholique Louvain-la-Neuve, dopo aver trascorso alcuni periodi di studio a Tokyo (“avevo solo 23 anni e per me il workshop con Tadao Ando è indimenticabile”) approda a Milano. Qui progetta la seduta estensibile Meeting Chairs. Humier 2“In realtà volevo disegnare un tavolo allungabile, per i tipici appartamenti di città, dove in genere i proprietari hanno poco spazio ma molti amici. Con un tavolo da allungare a seconda del numero di invitati, 4, 6, 8… avrebbero risolto il problema. Poi però ho capito che sarebbe stato meglio usare il tessuto. Da lì sono partita con il progetto della seduta”. C’è però una sorpresa in questa storia di successo. “In tutti questi anni ho presentato il progetto agli imprenditori delle principali aziende del settore, ma nonostante gli ottimi apprezzamenti ricevuti il progetto non è stato acquistato. E allora ho scelto l’autoproduzione. Ho sviluppato la parte tecnica e ora viene prodotta quasi su ordinazione, con finiture di altissima qualità, da un fornitore di fiducia che è in Brianza”. Humier 3 Humier 4

La seduta quindi è acquistabile. “Certo, sul mio sito web. Considerate le caratteristiche tecniche e il prezzo finale la consiglio in particolar modo per spazi del contract, anche perché ha ottenuto le certificazioni previste per il settore. E poi si può personalizzare la scelta del tessuto. Si può avere anche in pelle!” Ma per vederla dal vivo dobbiamo andare a New York? “Non è necessario. Ho sviluppato oltre alla vendita via web anche l’idea di un rapporto diretto con gli architetti che volessero inserire la seduta in uno dei loro interior. Basta farne richiesta via email e riceveranno una Meeting Chairs, da valutare con i loro clienti. Dopo dieci giorni la riportiamo a casa”. Ora, siete curiosi di vedere la seduta in funzione? Date un’occhiata al video prodotto da Laurence Humier. Se invece siete a Parigi, affrettatevi. Potreste portare a casa già oggi un piccolo capolavoro del design internazionale.

Le foto n.1 e n.2 sono di Michele Silvestro